InVeronaToday.com
PortuguêsDeutschFrançaisEspañolEnglishItaliano
InVeronaToday.com
PortuguêsDeutschFrançaisEspañolEnglishItaliano



Booking.com

Mostra Newsha Tavakolian. And They Laughed At Me alla Eataly Art House – E.ART.H. a Verona

La Mostra Newsha Tavakolian. And They Laughed At Me in corso alla Eataly Art House – E.ART.H. di Verona: le date, gli orari, il costo dei biglietti e le opere, la sede espositiva.

Mostra Newsha Tavakolian. And They Laughed At Me Verona
Newsha Tavakolian. And They Laughed At Me - Eataly Art House – E.ART.H. - Via Santa Teresa, 12 - Verona

Mostra in corso dal 10 aprile al 31 agosto 2024

Eataly Art House – E.ART.H. presenta una personale dell’artista iraniana Newsha Tavakolian (Teheran, 1981), membro dell’agenzia Magnum Photos. Il progetto And They Laughed At Me raccoglie oltre 40 fotografie d’archivio, scatti inediti e fotogrammi. La mostra presenta una selezione di alcune immagini che presentano errori o di scatto o di stampa.

Comunicato stampa della mostra Newsha Tavakolian. And They Laughed At Me

Eataly Art House – E.ART.H. presenta, in collaborazione con Fondazione Deloitte e Deloitte Italia, un nuovo progetto espositivo: And They Laughed At Me, personale dell’artista iraniana Newsha Tavakolian (Teheran, 1981), membro dell’agenzia Magnum Photos. La mostra, curata da Denis Curti, è aperta al pubblico gratuitamente da mercoledì 10 aprile a sabato 31 agosto 2024, presso gli spazi della Art House, dove contestualmente sono presentate le opere dei finalisti del Premio E.ART.H. 2024, supportato da illy.

And They Laughed At Me è il progetto vincitore della prima edizione del Photo Grant di Deloitte, il nuovo concorso fotografico internazionale promosso da Deloitte Italia con il patrocinio di Fondazione Deloitte e in collaborazione con 24 ORE Cultura, la direzione artistica di Denis Curti e il team di BlackCamera. Le opere di Newsha Tavakolian arrivano a Verona con un allestimento rinnovato e una selezione pensata appositamente per il pubblico di Eataly Art House, a seguito di una prima presentazione al Mudec Photo (13 dicembre 2023 – 28 gennaio 2024) e alla partecipazione dell’artista alla Biennale della Fotografia Femminile di Mantova (8 marzo – 14 aprile 2024).

Il progetto And They Laughed At Me raccoglie oltre 40 fotografie d’archivio, scatti inediti e fotogrammi. La mostra presenta una selezione di alcune immagini che presentano errori o di scatto o di stampa: si tratta di negativi che l’artista ha recuperato nel suo studio ripercorrendo i primi anni della sua attività, scartati perché imperfetti.

Dice l’artista «Ho raccolto queste immagini indesiderate, imperfette, frammentate, perché anch’esse fanno parte della storia e delle narrazioni, non si possono cancellare. Mostrano la realtà grezza e non rifinita, a cui non possiamo sottrarci. I cambiamenti che non possiamo negare e l’inesorabilità del tempo che passa”.

Immagini cariche di umanità, segnate dall’accidentalità del fare quotidiano, in cui si alternano elementi tipici del reportage e composizioni concettuali, dove si combinano più visioni e le fotografie vengono manipolate con interventi o incursioni formali.
Newsha Tavakolian ha iniziato a scattare giovanissima, intorno ai 16 anni collaborava già con la stampa iraniana,successivamente si afferma come fotogiornalista presso testate internazionali quali The Times, The New York Time o Le Figaro, e compiendo reportage in diverse zone del mondo. La sua firma è particolarmente nota per la grande attenzione che nel tempo ha dedicato al racconto della condizione delle donne e per aver fondato nel 2011 il collettivo di fotografia femminile Rawija.

Nel corso della sua carriera, Tavakolian ha potuto documentare i momenti di massima apertura culturale dell’Iran, ma ha anche affrontato il ritorno all’oppressione e alla chiusura, elaborando dispositivi e tecniche alternative per continuare a raccontare il suo popolo. And They Laughed Art Me è il risultato di queste ricerche e nasce come reazione agli eventi che in Iran hanno condotto al risveglio della popolazione, alle manifestazioni e proteste che ne sono conseguite negli ultimi due anni.

In una società in cui i diritti vengono calpestati, in cui il futuro è difficile da immaginare, l’artista si sostituisce agli occhi dei suoi connazionali proponendo un immaginario composito, fatto di frammenti scartati, schegge di realtà che è impossibile dimenticare e che insieme compongono il volto dell’Iran, dal 1996 a oggi.
Quello di Newsha Tavakolian è un linguaggio maturo, carico di intimità e delicatezza, ma anche di forza: una sorta di manifesto che ricorre all’immagine per contrastare l’autoritarismo. Spiega l’artista: «Gli eventi in Iran mi hanno colpita profondamente. Sapendo di non poter cambiare il passato, e mossa da un desiderio di vedere in profondità, ho ripreso in mano i negativi che ho scattato all’inizio della mia attività fotografica. Un’immagine spiccava su tutte: una ragazza che annusa una rosa. Ilsuo profumo è un simbolo disperanza, d’amore e di libertà. Ho scelto di proposito una sequenza di negativi nati da errori miei o di altri, in laboratorio o per un malfunzionamento della mia macchina fotografica. Ho raccolto queste immagini scartate: mostrano quella realtà cruda e grezza da cui non possiamo nasconderci. Riosservandole, emerge un chiaro passaggio: dalla speranza e dai sogni della giovinezza, alla deludente realtà e la conclusione che nella vita abbiamo una sola scelta. Venire risucchiati dall’oscurità, oppure combatterla andando verso la luce. Il risveglio delle donne Iraniane non è successo in un giorno: l’ho visto, ne ero parte. Volevamo di più, e presto. I politici mi hanno strumentalizzata e hanno riso di me – di noi. Ma nella mitologia iraniana, è la luce a vincere sull’oscurità nella loro eterna lotta».

Eataly Art House intende ringraziare i global partner Azimut investimenti, Deloitte, illycaffè, gli sponsor Allegrini, Borgogno Barolo, Fontanafredda, gli sponsor tecnici Big S.r.l. Milano e Theke Museum, per il sostegno costante alla propria programmazione espositiva e culturale

Informazioni utili per la visita

Orari: da mercoledi a domenica dalle 11.00 alle 19.00
Biglietti: ingresso gratuito.
E-mail: info@eatalyarthouse.it
Sito web: Eataly Art House – E.ART.H.

Contatti - Progetto In Italy Today - Politica sulla riservatezza - Cookie Policy

In Verona Today è aggiornato ogni giorno

© In Verona Today
Tutti i diritti riservati